Immagine

IL MENO PEGGIO – REGGIO EMILIA

Da Milano a Reggio Emilia, fino ad arrivare a Roma, con sosta a Modena, Viterbo e Bologna. 
Che tour e pensare che sono nuovamente in treno, diretto a Roma, sulla scarsissima linea regionale veloce Roma Ostiense – Viterbo Porta Romana, meno peggio della Roma Piazzale Flaminio – Viterbo. Sono in viaggio da un’ora circa e ci sono ancora 17 fermate, tutte che coprono determinate aree della periferia romana. Poveri pendolari, chissà come sarà la Cassia durante la settimana, ma ora torniamo sulla via Emilia.
Reggio Emilia, la città del tricolore, delle teste quadre e dalla ragazze con la calamita.
Sono proprio le ragazze il punto di forza di questa intervista che, nonostante la loro giovane età (20 e 23) hanno voluto dire la loro su chi voteranno, senza però avere un idea chiara di partecipazione attiva alla politica ma, soprattutto la prima, attaccate tradizionalmente a dei valori che di generazione in generazione vengono trasmessi.
Cecilia, classe 97, tipica reggiana sorridente, studentessa al secondo anno di lingue e cameriera presso un ristorante di una via limitrofa la storica piazza Prampolini.
<< Voterò, quasi sicuramente, il P.D – apre la giovane – sono cresciuta in una famiglia di centro – sinistra che mi ha trasmesso determinati valori, primo tra tutti i diritti del lavoratore. Credo che stavolta riusciranno a fare un buon lavoro, d’altronde la carta parla: “con Renzi e Gentiloni, la ripresa ha avuto inizio>>.
Attaccamento tradizionale, basato su alcuni fatti che stanno coinvolgendo il territorio, noto per aver dato – anche se a debita distanza – i natali a politici come Romano Prodi, Marco Ricchetti e altri deputati storici delle nostre “Repubbliche”.
<< Voterò Berlusconi, o meglio Forza Italia – dice Valentina, la seconda delle due – sono figlia di un imprenditore e credo meritino almeno 1000,00 € mese di pensione. Purtroppo finora abbiamo votato il #menopeggio e così sarà ancora. Non credo i grillini, seguaci di un comico, siano in grado di cambiare l’Italia. Berlusconi invece lo è, peccato che non l’abbiano mai fatto governare seriamente>>.
Strano, ma per la prima volta in Emilia, una ragazza ammette di votare Berlusconi. Sarà l’inizio di una nuova era anche per la rossa Emilia che, in alcuni comuni, ha visto vincere per la prima volta la destra nelle amministrative del 2017?
Che il tricolore ricominci a sventolare, magari con una marcatura più forte ed un bianco pulito da tutte le ruberie che hanno trasformato il nostro paese in una discarica a cielo aperto.
Ora linea a Formigine (Modena).

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...